L'Uovo e la Colomba



31/03/2017
L'Uovo e la Colomba
DifendiAmo il Made in Marche

Fiorella sarà presente all'evento "l'uovo e la Colomba per il centro Italia" che si terrà a Milano, domenica 2 Aprile presso il Palazzo delle Stelline-Chiostro della Magnolia.
Fra gli ospiti della kermesse anche il Panificio Fronzi di Pieve Torina (Macerata) presente con le sue squisite pizze di Pasqua che nelle Marche sono anche un dolce. Il panificio Fronzi è una delle tante piccole aziende marchigiane colpite duramente dal terremoto e sostenute dal nostro progetto “DifendiAmo il Made in Marche”.

Daniele Pascoli, 38 anni, è il titolare del panificio Fronzi di Pieve Torina, un minuscolo paese in provincia di Macerata semi distrutto dal terremoto. Decine di case accartocciate dalla violenza del sisma il cui epicentro è stato a pochi chilometri da qui, a Visso.
Anche se la struttura è per metà inagibile, Daniele non si è arreso e continua a sfornare ogni notte il pane e tutta la pasticceria da forno che è una sua specialità, insieme ai 14 dipendenti-amici che c’erano prima del terremoto e per i quali sta lottando, nonostante tutto, per garantire la continuità del posto di lavoro.
Daniele si è rimboccato le maniche, con la moglie Stefania e i 3 figli vive in un container che si è procurato da solo e guarda con amarezza il suo paese improvvisamente rimpicciolito: di 1450 abitanti ne sono rimasti più o meno solo 150, 400 case distrutte, molte apparentemente intatte, ancora con i fiori alle finestre, ma in realtà “spanciate” con i muri avanzati di 40 centimetri, il tetto ripiegato all’interno, mobili e pareti accartocciati.
“Una gran tristezza- riconosce Daniele- esci in strada e non incontri nessuno, sono tutti trasferiti negli alberghi sulla costa, c’è un gran silenzio…” Daniele continua a produrre e siccome non ci sono quasi più abitanti, si è dato da fare per aprire nuovi canali di vendita ai suoi prodotti da forno, per esempio con alcuni piccoli supermercati del centro Marche.
Daniele ha un sogno: poter inaugurare il nuovo negozio di panetteria che aveva realizzato prima del sisma sulla strada che da Pieve porta ai Sibillini. “Ho rimesso a posto con le mie mani e i miei soldi tutto quello che il terremoto ha rovinato. Adesso è di nuovo perfetto ma sto impazzendo per le autorizzazioni. In questo paese svuotato sembra che nessuno creda più alla ricostruzione. Siamo a 500 metri di altezza, dicono, l’80 per cento delle case è inagibile, che senso ha ricostruire?”
Daniele non si arrende, crede nella rivincita e afferma con caparbietà :“se un sogno ha di fronte così tanti ostacoli, vuol dire che è quello giusto!”

© 2014 Fiorella Ciaboco . jesi (an) . via ancona 116 . tel 0731 605634 mob 333 6981238
mail box@sartoriafiorella.com . p.iva 02255700425 . developed by capolinea.it